Tradurre: Bulgarian translation English French version  Hungarian translation Italian flag Latvian version Lithuanian version Polish translation Portuguese translation Romanian translation Russian version Slovak version ​​Spanish translation​ ​

GrievanceVertenze, reclami

Se ritieni di essere trattato/a in modo scorretto sul posto di lavoro, per esempio pensi di aver subito discriminazione da parte del datore di lavoro, o di non godere di appropriate condizioni di lavoro, rivolgiti a un rappresentante sindacale. Al tempo stesso, dovresti cercare di sottoporre informalmente la questione all'attenzione del tuo diretto superiore (line manager) o, se ciò non fosse possibile, di un superiore con maggiore anzianità di servizio.

Se questo non produce gli effetti desiderati dovresti seguire le procedure per avanzare formale reclamo predisposte dal tuo datore di lavoro. Ciò potrebbe comportare la necessità di scrivere al datore di lavoro per spiegare perché ritieni di aver subito un trattamento scorretto, e il datore di lavoro dovrebbe organizzare una riunione per discutere del reclamo. Hai diritto ad essere accompagnato/a alla riunione da un rappresentante sindacale.

Se non sei soddisfatto del risultato di tale procedura potresti richiedere una riunione d'appello (appeal meeting). Anche in tale eventualità hai diritto ad essere accompagnato da un rappresentante sindacale.

Nota bene: Molti datori di lavoro non permettono ai lavoratori atipici o autonomi di avvalersi di procedure di reclamo; rivolgiti a un rappresentante sindacale per assistenza.

Disciplinary actionProvvedimenti disciplinari

Se sei un lavoratore dipendente e il tuo datore di lavoro decide di prendere provvedimenti disciplinari nei tuoi confronti, dovresti chiedere assistenza a un responsabile sindacale e consultare le procedure disciplinari sul tuo contratto di lavoro.

A livello generale, la procedura disciplinare dovrebbe articolarsi come segue:

  • Se il tuo datore di lavoro crede che tu stia lavorando al di sotto delle aspettative o che tu abbia operato impropriamente, dovrebbe avviare un'indagine per verificare se c'è margine per un'azione disciplinare nei tuoi confronti. Potrebbe inoltre chiederti di partecipare a una riunione ispettiva. Malgrado tu non abbia diritto ad essere accompagnato/a da qualcuno a tale riunione ispettiva, dovresti comunque farne richiesta: un buon datore di lavoro potrebbe consentirtelo.
  • Il datore di lavoro dovrebbe poi notificarti formalmente e per iscritto se ritiene che ci sia fondamento per un provvedimento disciplinare. Dovrebbe quindi invitarti a una riunione, informarti circa il tuo diritto di essere accompagnato/a da un rappresentante sindacale e spedirti le prove che intende usare nei tuoi confronti.
  • Infine, il datore di lavoro dovrebbe convocarti in una riunione faccia-a-faccia per discutere la questione. Hai diritto ad essere accompagnato/a a tale riunione e devi informarne il datore di lavoro. Dopo tale riunione, il datore di lavoro deve comunicarti la sua decisione e informarti che hai diritto a chiedere appello contro la decisione stessa.

Se sei stato/a alle sue dipendenze per almeno due anni, il datore di lavoro può licenziarti in modo regolare solo se riesce a dimostrare che il provvedimento è stato preso in ragione delle tue capacità lavorative. È illegale essere licenziati per motivi di:

  • Appartenenza a un sindacato o partecipazione ad attività sindacali
  • Salute e sicurezza
  • Esercizio dei diritti del lavoro
  • Gravidanza e maternità
  • Discriminazione

Il tuo datore di lavoro è tenuto a seguire una corretta procedura per il licenziamento. Se non ottempera a ciò, hai la facoltà di accusarlo di licenziamento scorretto (unfair dismissal). Rivolgiti a un responsabile sindacale per ulteriori informazioni.

Discrimination and Harassment at workDiscriminazione e molestie in ambito lavorativo

Se ritieni di aver subito mobbing, molestie o discriminazione sul posto di lavoro dovresti contattare un'organizzazione sindacale.

Hai diritto a non essere discriminato a causa di origine etnica, genere, nazionalità, religione o credenze, orientamento sessuale, gravidanza, maternità, età o disabilità (questi attributi sono conosciuti come “le caratteristiche protette”).

Se sei disabile, hai diritto a ulteriore sostegno. Il datore di lavoro è tenuto ad apportare ragionevoli adattamenti ai locali di lavoro, alle attrezzature e all'orario lavorativo in modo tale da impedire che ti trovi svantaggiato rispetto agli altri colleghi. Tale dovere vige solo se il datore di lavoro è a conoscenza della tua disabilità.

È inoltre illegale discriminarti se hai un contratto di lavoro a tempo determinato o lavori part-time.

La discriminazione potrebbe consistere anche nel fatto di essere retribuiti di meno, lavorare a termini e condizioni peggiori ripetto agli altri lavoratori, o non essere mai incaricati di svolgere un particolare lavoro.

Se qualcuno a lavoro si comporta con te in modo non accettabile, e tale comportamento è ostile, intimidatorio, umiliante o offensivo, incluse le attenzioni sessuali non desiderate, ciò costituisce molestie (“harassment”). Le molestie sono illegali se riferibili ad una delle “caratteristiche protette”.

È inoltre illegale prenderti di mira per aver sollevato una questione di discriminazione.

Dovresti annotarti tutti gli incidenti relativi a mobbing, molestie o discriminazione e conservare ogni ulteriore prova in tal senso, poiché ti servirà in caso tu debba farne denuncia formale. I sindacati possono darti assistenza su come procedere per denunciare formalmente tali situazioni.

Disciplinary actionPortare il caso al Tribunale del Lavoro

Se hai un problema a lavoro, il sindacato può essere in grado di aiutarti a risolverlo. Può inoltre assisterti per portare il caso al Tribunale del Lavoro (Employment Tribunal).

I Tribunali del Lavoro sono organi tribunali speciali con giurisdizione in materia di lavoro. Nella maggior parte dei casi il Tribunale non ti farà riottenere il lavoro perso, ma può ordinare al datore di lavoro di corrisponderti una compensazione.

È essenziale, per adire il Tribunale, ottenere assistenza dal tuo sindacato o dalla helpline ACAS allo 0300 123 1100. Sei tenuto ad avvisare l'ACAS prima di poter adire il Tribunale del Lavoro. Ti sarà offerto un servizio di “Conciliazione Preliminare” (“Early Conciliation”) per darti assistenza.

La maggior parte delle denunce deve essere effettuata entro tre mesi solari dall'accadimento del fatto contestato.

Ti verrà chiesto il pagamento di una provvigione per adire il Tribunale, e un'ulteriore provvigione se la tua causa non può essere risolta prima di un'udienza. Se il tuo reddito è basso e hai scarsi risparmi, puoi far domanda affinché l'ammontare delle provvigioni venga ridotto. Clicca qui per maggiori informazioni.

Understanding grievances and disciplinariesInformazioni aggiuntive​ (Solo versione inglese​)
 

Scarica Understanding grievances and disciplinaries (PDF)